Siamo nell’epoca della scienza. I grandi passi avanti della tecnologia lo dimostrano. Ogni giorno assistiamo a una nuova magia tecnologia, una nuova scoperta, perfettamente razionale e spiegata, che permette all’intera umanità di fare qualcosa di nuovo, qualcosa di prima impossibile. Le nostre conoscenze e le nostre possibilità stanno, giorno dopo giorno, avvicinandosi sempre di più a quelle raffigurate nei romanzi di fantascienza; in alcuni casi queste previsioni sono state superate. Per capire quanto il mondo sia andato avanti velocemente basta pensare a quanto la nascita degli smartphone abbia decisamente cambiato il nostro modo di vivere in maniera netta, rendendoci sempre connessi ad internet e agli altri.

Nonostante questo impero della razionalità e della tecnologia, sempre più italiani cercano qualcosa di diverso, qualcosa che non si fondi sulla razionalità e sulla scienza ma che la trascenda e vada oltre. Sono infatti in crescita, secondo le stime, gli italiani che si rivolgono almeno una volta a sensitivi, medium, bravi cartomanti online ed altri esperti dell’esoterismo in cerca di risposte che la scienza tradizionale non è in grado di fornire. Ma perché l’uomo cerca l’occulto? Quali sono le risposte che scienza e ragione, apparentemente le regine del nostro secolo, non riescono a fornirci?

La storia dell’occultismo

Come spesso accade, per capire il presente occorre guardarsi indietro. Ripercorrere la storia dell’occultismo vuol dire dare uno sguardo alla storia intera dell’umanità: fin dai primi momenti, infatti, l’essere umano è stato fortemente attratto da quella dimensione spirituale intangibile che sembrava nascosta dietro ad un sottile velo. Comunicare con i propri cari defunti, avere un contatto con l’aldilà e spiegare fenomeni altrimenti incomprensibili sono state le basi che hanno portato alla nascita delle religioni e dell’occultismo. Non bisogna stupirsi che questi due elementi siano strettamente collegati: entrambi, infatti, cercano delle risposte che l’umanità non riesce a trovare nel materiale.

Fin dai tempi antichi, re e uomini di potere si affidarono a maghi, stregoni, sciamani e sacerdoti per compiere riti propiziatori e ottenere favori e poteri altrimenti inottenibili. Questa ricerca di un potere esterno, nascosto alla vista dei comuni mortali, è una costante della storia dell’umanità: perfino nella storia recente ci sono state diverse testimonianze di capi di stato e regimi che hanno attivamente ricercato nel campo dell’occultismo un modo per fortificare il loro paese. Non è strano, quindi, che anche l’uomo comune sia alla ricerca di un modo per superare le proprie difficoltà terrene e spirituali.

La nascita dell’occultismo moderno

Il bisogno di risposte dell’uomo lo ha sempre portato a scavare più in profondità, alla ricerca di conoscenze sempre maggiori. Non è strano che, in un epoca di continui cambiamenti come il 1800, temi che fino ad allora erano ritenuti di scarso interesse tornarono ad essere oggetto di dibattito. Durante questo secolo e quello successivo, il mondo avrebbe visto cambiamenti epocali: è abbastanza normale, quindi, che anche la mentalità degli umani sarebbe cambiata. Il campo dell’occulto venne affrontato, dopo i secoli in cui la repressione religiosa aveva fatto temere la magia, seriamente e con metodo scientifico. Molti iniziarono a teorizzare che le prove delle credenze occulte potessero essere individuate con le nuove scoperte tecnologiche e con il nuovo sapere scientifico. Questo segnò la nascita dell’occultismo moderno, una pratica che ancora oggi si impegna a trovare le prove e le evidenze scientifiche di cui i cinici hanno bisogno per credere.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *