Perché l’uomo cerca l’occulto?

Siamo nell’epoca della scienza. I grandi passi avanti della tecnologia lo dimostrano. Ogni giorno assistiamo a una nuova magia tecnologia, una nuova scoperta, perfettamente razionale e spiegata, che permette all’intera umanità di fare qualcosa di nuovo, qualcosa di prima impossibile. Le nostre conoscenze e le nostre possibilità stanno, giorno dopo giorno, avvicinandosi sempre di più a quelle raffigurate nei romanzi di fantascienza; in alcuni casi queste previsioni sono state superate. Per capire quanto il mondo sia andato avanti velocemente basta pensare a quanto la nascita degli smartphone abbia decisamente cambiato il nostro modo di vivere in maniera netta, rendendoci sempre connessi ad internet e agli altri.

Nonostante questo impero della razionalità e della tecnologia, sempre più italiani cercano qualcosa di diverso, qualcosa che non si fondi sulla razionalità e sulla scienza ma che la trascenda e vada oltre. Sono infatti in crescita, secondo le stime, gli italiani che si rivolgono almeno una volta a sensitivi, medium, bravi cartomanti online ed altri esperti dell’esoterismo in cerca di risposte che la scienza tradizionale non è in grado di fornire. Ma perché l’uomo cerca l’occulto? Quali sono le risposte che scienza e ragione, apparentemente le regine del nostro secolo, non riescono a fornirci?

La storia dell’occultismo

Come spesso accade, per capire il presente occorre guardarsi indietro. Ripercorrere la storia dell’occultismo vuol dire dare uno sguardo alla storia intera dell’umanità: fin dai primi momenti, infatti, l’essere umano è stato fortemente attratto da quella dimensione spirituale intangibile che sembrava nascosta dietro ad un sottile velo. Comunicare con i propri cari defunti, avere un contatto con l’aldilà e spiegare fenomeni altrimenti incomprensibili sono state le basi che hanno portato alla nascita delle religioni e dell’occultismo. Non bisogna stupirsi che questi due elementi siano strettamente collegati: entrambi, infatti, cercano delle risposte che l’umanità non riesce a trovare nel materiale.

Fin dai tempi antichi, re e uomini di potere si affidarono a maghi, stregoni, sciamani e sacerdoti per compiere riti propiziatori e ottenere favori e poteri altrimenti inottenibili. Questa ricerca di un potere esterno, nascosto alla vista dei comuni mortali, è una costante della storia dell’umanità: perfino nella storia recente ci sono state diverse testimonianze di capi di stato e regimi che hanno attivamente ricercato nel campo dell’occultismo un modo per fortificare il loro paese. Non è strano, quindi, che anche l’uomo comune sia alla ricerca di un modo per superare le proprie difficoltà terrene e spirituali.

La nascita dell’occultismo moderno

Il bisogno di risposte dell’uomo lo ha sempre portato a scavare più in profondità, alla ricerca di conoscenze sempre maggiori. Non è strano che, in un epoca di continui cambiamenti come il 1800, temi che fino ad allora erano ritenuti di scarso interesse tornarono ad essere oggetto di dibattito. Durante questo secolo e quello successivo, il mondo avrebbe visto cambiamenti epocali: è abbastanza normale, quindi, che anche la mentalità degli umani sarebbe cambiata. Il campo dell’occulto venne affrontato, dopo i secoli in cui la repressione religiosa aveva fatto temere la magia, seriamente e con metodo scientifico. Molti iniziarono a teorizzare che le prove delle credenze occulte potessero essere individuate con le nuove scoperte tecnologiche e con il nuovo sapere scientifico. Questo segnò la nascita dell’occultismo moderno, una pratica che ancora oggi si impegna a trovare le prove e le evidenze scientifiche di cui i cinici hanno bisogno per credere.

I rituali magici nella storia

La magia è una pratica ancora viva in molte parti del mondo. Oggi è possibile per chiunque trovare soggetti in grado di effettuare rituali magici di vario genere, da quelli predisposti per favorire la fortuna di un soggetto, fino ai più classici rituali amorosi. Come ci raccontano sul sito  Studio esoterico, la magia è una realtà potente, che affonda le sue radici nella storia dell’uomo.

La nascita nell’antichità

Il termine magia deriva dal nome dei sacerdoti Zoroastriani, che operavano nell’antica Persia, all’epoca della Grecia antica. Questi sacerdoti erano detti magi, appunto, e per i Greci all’epoca i loro riti erano considerati del tutto originali e segreti. Per altro tutte le popolazioni antiche ritenevano che l’uomo potesse influenzare gli eventi; in alcuni casi utilizzando la preghiera alle divinità, in altri casi sfruttando la magia.

Sono magiche le immagini pittoriche del neolitico, nelle quali i cacciatori cercavano di propiziare la caccia raffigurando gli animali che avrebbero trovato nel bosco. Sono magiche le pratiche degli antichi Egizi, che furono tra i primi a mettere per iscritto delle vere e proprie formule, da utilizzare ogni qual volta si desiderasse ottenere uno specifico risultato. Anche nell’antichità l’incantesimo andava utilizzato in modo particolare, possibilmente da parte di un sacerdote o di un soggetto preposto.

La magia dal Medioevo all’epoca moderna

L’ampia diffusione del Cristianesimo in Europa ha portato ad una sorta di lotta alla magia, considerata contraria alla religione. Nonostante questo le pratiche magiche sono rimaste e sono state anche tramandate nei secoli successivi. È però nota a tutti la lotta alle streghe, viste essenzialmente come seguaci del diavolo, del maligno.

Anche nei secoli successivi la magia era vista in modo negativo; non per questioni correlate al male, ma perché dal rinascimento in poi è stata la scienza a farla da padrona. La magia invece sfugge al metodo scientifico e consente di ottenere risultati impensati, con metodi impossibili da provare. Per questo dal Medioevo fino agli albori dell’epoca contemporanea la magia è stata vista come qualcosa di negativo, oppure come un passatempo per stolti.

La magia oggi

Oggi ognuno ha la totale libertà di credere e praticare ciò che preferisce. Non ci sono censori che vietano le pratiche magiche, o che ritengono mentecatti coloro che le utilizzano. Fortunatamente molto del bagaglio magico antico è arrivato sino ai giorni nostri, quindi numerosi maghi e maghe hanno la possibilità di attingere dal potere antico incantesimi e formule da utilizzare ancora oggi.

Chiaramente la fiducia nelle pratiche magiche è un ingrediente essenziale per favorire l’ottenimento dei risultati sperati. Oltre a questo ancora oggi la magia è vista come una pratica che solo chi mostra determinati privilegi può utilizzare. Tali privilegi solitamente riguardano la possibilità di avere dei “poteri”, delle abilità che solo pochi soggetti mostrano.

Diversi tipi di magia

Mentre nel Medioevo la magia era vista essenzialmente come una pratica malvagia, correlata al diavolo e al male, oggi le cose stanno in modo assai diverso. Chi pratica la magia infatti sa che essa non è buona o cattiva, lo sono invece le motivazioni per cui si utilizza una pratica magica. Si distingue quindi in magia nera, che ci mette in contatto con il mondo degli spiriti, e magia bianca o rossa.

Come funziona la cartomanzia economica online

Per scoprire come funziona la cartomanzia on line è importante sapere che la coscienza, la materia e l’energia sono strettamente connessi fra loro. La Cartomanzia on line è una cartomanzia economica che ci aiuta a ottenere una divinazione completa per noi stessi, per i nostri amici e parenti. Tutto questo è possibile grazie a un mazzo di carte particolari, i tarocchi, che furono inventati prima delle carte da gioco.

Questa pratica è stata utilizzata per centinaia di anni e ha visto un aumento rapido nell’epoca moderna. È cresciuto come “gioco” e mezzo di divertimento durante incontri sociali, fine cena, party. La cartomanzia economica è divenuta quasi di moda. Questo fatto ha visto una certa costernazione tra i veggenti seri che offrono le loro capacità e che garantiscono l’affidabilità delle loro pratiche.
Con il tempo, ciò che era un gioco, ha preso consistenza fino a portare le persone a rivolgersi ai veri veggenti anche on line, sia per consulti veloci ed economici sia per consulti più approfonditi e periodici.
Leggi tutto “Come funziona la cartomanzia economica online”

Il pensiero positivo che aiuta l’anima

Il concetto di yin (nero) ([ín]) e yang (bianco) ([jǎŋ]) ha origini molto antiche e deriva dalla filosofia cinese come simbolo del positivo e negativo. Per ogni oscuro esiste la luce, per ogni bianco esiste il nero. Dalla filosofia il salto è facile alla magia e il concetto di dualismo esiste anche per la stessa, esiste la magia bianca così come la parte oscura della stessa.

L’uomo è immerso quasi magicamente tra la sua dimensione spirituale ed animistica e il suo corpo, proprio quando la ricerca interiore per mezzo dell’esoterismo e del percorso di crescita si evolve al meglio che ci si trova in perfetto equilibrio. Visualizzare una sfera di luce, immaginarsi nella luce bianca e molte altre tecniche di visualizzazione sono tecniche utilizzate per la concentrazione, ed eventualmente per chi crede appunto nelle operazioni magiche come preparazione a forme di incantesimi di magia bianca, utilizzate per autoguarigione, per calmare l’ansia, e altre forme naturali di queste credenze.

Le recenti tecniche di meditazione, di visualizzazione mirata, il reiki così come altre forme che arrivano proprio dall’oriente portano un pensiero comune. Vivere in armonia con se stessi e con il mondo che ci circonda è la cosa migliore che si possa fare per raggiungere un grado di serenità e di equilibrio con se stessi e con gli altri. Moltissimi problemi vengono autogenerati a causa di pensieri ricorrentemente negativi. La forma pensiero negativa, secondo moltissimi esperti, se introiettata e vissuta con intensità crea onde energetiche negative che possono riuscire a modificare, chiaramente non nel bene, la nostra vita.

Anche se sembra un mantra piuttosto inutile ripetere a se stessi cose belle, frasi ottimistiche, premiarsi con stima e giudizio positivo tende invece a riconoscere quasi magicamente una forma altrettanto positiva. Ripetere a se stessi che le cose non vanno bene, che non funzionano, che falliamo di giorno in giorno risulterà una profezia che si autoavvera. Non discutiamo della mancanza di aderenza alla realtà, ma di un vero e proprio impulso positivista a definire la propria energia in modo pulito e felice, senza negatività aggiunte da noi stessi. Non è una ricetta di guarigione immediata, ma quello che appare certo è che ci siano forme di guarigione che partono dall’anima per poi estendersi al corpo. Una mente sana in un corpo sano, e lo spirito dove lo mettiamo? Il dualismo insito in ciascuno di noi deve restare in perfetto equilibrio per non creare dislivelli energeticamente pericolosi, non si discute solamente di malattie mentali, ma anche di tutti quei disturbi chiamati psicosomatici che possono inevitabilmente portare a una condizione di malattia vera e propria.

Ansia, insonnia, angoscia, sono tutte malattie dell’anima e molto spesso la medicina tradizionale non sa come guarirci da queste forme di disturbo, ma attraverso percorsi spirituali moltissime persone oggi riescono a farcela ed a uscire dal malessere. La meditazione ad esempio insegna come gestire gli stati d’ansia e di paura, distaccandosi dal superfluo e cercando di instillare dentro l’io più profondo e inconscio la positività. L’equilibrio tra i due elementi, i due poli opposti, non è sempre facile da gestire nemmeno per chi della meditazione e della spiritualità ne fa un credo vero e proprio, tuttavia vale la pena provarci.

Cartomanzia, funziona per davvero?

Cartomanzia è l’abilità di divinazione, attraverso l’uso di carte. Questa arte ha radici in Egitto, mentre altre fonti indicano che è stata praticata in Europa, intorno al 16 esimo secolo.
In origine, le carte da gioco erano uno strumento utilizzato dagli zingari per predire il futuro al re e chiunque altro che era curioso, tutte le forme di divinazione sono state dichiarate blasfeme dalla Chiesa cattolica.

La cartomanzia funziona?

Per capire se la cartomanzia funziona, si deve capire un pò, se le carte da gioco possono essere utilizzate per indovinare il futuro e per cosa no. Come l’interpretazione dei sogni, ogni carta è un simbolo di noi stessi, così come le influenze che ci circondano. Questi simboli sono considerati elementi di base, che, quando messi insieme, racconteranno una storia. Nei Tarocchi, la storia degli Arcani Maggiori descrive un viaggio di un bambino che attraversa la vita, come egli impara le lezioni della vita e diventa un vecchio uomo, prima di morire e come rinasce: le carte da gioco raccontano una storia simile. Le lezioni nelle carte, raccontano una storia di evoluzione; come le nostre vite sono modellate attraverso grande gioia e grande miseria. Leggi tutto “Cartomanzia, funziona per davvero?”

Cartomanzia professionale a basso costo

Come conoscere il proprio futuro grazie alla cartomanzia professionale a basso costo

Se da poco vi state interessando al mondo della cartomanzia e vi chiedete se funzioni veramente, allora siete capitati sull’articolo giusto. Nelle prossime righe, infatti, vi spiegheremo cos’è l’antica arte divinatoria della cartomanzia, come funziona e in quali casi ci si può fidare di quella a basso costo.

Le origini della cartomanzia

Le origini sono, in realtà, molto controverse. In molti, infatti, affermano che questa nasca presso gli antichi egizi, altri che sia un’arte inventata dagli arabi e altri ancora che sia un arte nata presso gli zingari. Nessuna di queste tesi, però, sono realmente accreditate. Non esistono prove, infatti, che questa possa essere nata nell’antico Egitto, piuttosto che nel mondo arabo o in quello gitano.

La prima testimonianza reale che riguarda l’antica arte della cartomanzia, in realtà, risale al 1770. In questo anno, infatti, un cartomante di nome Alliette pubblicò per la prima volta un trattato che spiegava come effettuarla tramite le carte da gioco francesi. Nel 1783, invece, lo stesso Alliette pubblica un altro trattato che questa volta, però, riguarda la lettura dei tarocchi veri e propri.

La massima espansione si ha nel 1800. In questo secolo, infatti, un grandissimo numero di esoteristi iniziano ad interessarsi a questa arte divinatoria e ad apprenderla, tramandandola poi da padre in figlio. Leggi tutto “Cartomanzia professionale a basso costo”

Arcani Maggiori, il Mondo

L’Arcano Maggiore n°21 è quello della carta del Mondo, il cui significato viene spesso associato ad una sorta di bilancio della propria vita. In molti considerano questa carta come una specie di epilogo favorevole in cui l’individuo si rende che tutti i suoi sacrifici e tutte le sue scelta hanno finalmente raggiunto un compimento. Quindi in siffatto contesto non può che essere una carta positiva proprio per il suo intrinseco significato che offre al consultante la possibilità di riflettere sulle conquiste e sulle vittorie della sua vita.

La carta del Mondo offre una visione d’insieme, globale sulle scelte della propria esistenza. Nella figura rappresentata nella carta vediamo una donna aggraziata, parzialmente avvolta da un tessuto viola che ne lascia scoperti i seni e le gambe. La sua postura lascia pensare che sia in movimento e ciò vuol dire che la sua forza è nel suo progresso, nella sua evoluzione, nella sua capacità di rendere meraviglioso e gioioso tutto ciò che incontra nel suo cammino. Leggi tutto “Arcani Maggiori, il Mondo”

Arcani Maggiori, il matto

Uno degli arcani maggiori che più di tutti è suscettibile di varie interpretazioni è sicuramente Il Matto. Non è un caso che a questa carta viene associata una frase particolarmente idiomatica del suo significato:” Quello che la gente pensa di te non è affar tuo”. In effetti la forza del Matto sta proprio nel non conferire alcun peso alle opinioni altrui. Per questa sua indifferenza rispetto al giudizio della gente, viene considerato un diverso e quindi un folle.

Analizzando bene l’immagine raffigurata notiamo che siamo di fronte ad un personaggio vestito di stracci che non da’ molta importanza al modo con sui si presenta, concentrandosi unicamente sul presente e sull’attimo istantaneo, infatti la sua unica priorità è andare avanti per la sua strada nonostante questa culmini in un precipizio. Il giudizio nei suoi confronti deriva proprio dal fatto che nonostante egli sappia che la sua condotta lo condurrà in un vicolo cielo, egli continui ad andare avanti e pensando solo a vivere la vita come vuole. Ragion per cui questo istinto, giudicato folle, può in realtà portarlo dovunque. Leggi tutto “Arcani Maggiori, il matto”

Arcani Maggiori, il mago

L’Arcano Maggiore n°1 è quello della carta del Mago, capace di trasformare con la forza della volontà i suoi desideri in realtà. Infatti egli riesce a tramutare in qualcosa di concreto e tangibile ogni suo desiderio servendosi semplicemente del suo coraggio e della sua forza. Ragion per cui la sua “magia” sta nella fiducia che ripone in sé stesso e nelle sue azioni. Analizzando attentamente la figura rappresentata nell’immagine vediamo che il mago è un giovane che veste una tunica bianca e rossa.

Ma quello che cattura la nostra attenzione è quello che tiene stretto nella sua mano destra. Infatti c’è una bacchetta rivolta verso il cielo mentre il braccio sinistro è steso e punta verso terra. La contrapposizione delle due diverse direzioni indicate dalle sue mani ha una chiara valenza positiva. Il vero modo per ottenere ciò che si desidera e quindi compiere l’incantesimo è quello di sapere quali siano le sue potenzialità, quindi avere coscienza dei propri mezzi ma soprattutto essere a conoscenza delle proprie ambizioni. L’equilibrio tra possibilità e desideri rende l’uomo un mago capace di ottenere tutto ciò che vuole dalla sua vita. Leggi tutto “Arcani Maggiori, il mago”

Arcani Maggiori, il carro

Tra tutti gli Arcani Maggiori il numero 7 e cioè Il Carro spicca per la sua simbologia positiva. Infatti il suo significato rappresenta un vero e proprio incoraggiamento per coloro che stanno vivendo un periodo di transizione molto delicato. Infatti il Carro rappresenta la vittoria di un’impresa che si può raggiungere solo grazie all’auto-disciplina e alla determinazione.

Questo arcano è l’emblema perfetto del volere è potere, infatti solo coloro che si armeranno di volontà e spirito d’iniziativa potranno “entrare vittoriosi in patria” con il Carro, simbolo della conquista in battaglie lontane dalle proprie terre. Infatti questa carta incoraggia l’individuo ad affrontare senza paura una scelta difficile, un nuovo lavoro o un nuovo percorso emotivo, dato che è prevista una lauta ricompensa per il suo sacrificio e soprattutto per il coraggio dimostrato nell’affrontare qualcosa o qualcuno che sembrava insormontabile. Il Carro raffigurato nella carta è proprio quello di un giovane guerriero in armatura che viene accolto vittorioso dai propri concittadini che lo festeggiano per i meriti conquistati in battaglia. Leggi tutto “Arcani Maggiori, il carro”